Scisma nell’Impero di De Luca: 7 consiglieri rompono e lanciano la corsa per la guida di Salerno

di Pasquale Napolitano

Scisma nell’Impero Deluchiano: 7 consiglieri comunali sono pronti a non votare il bilancio dell’amministrazione comunale salernitana guidata da Enzo Napoli, fedelissimo del governatore della Campania Vincenzo De Luca. E’ la prima volta che si apre una spaccatura così profonda e pubblica tra i deluchiani. Ecco chi sono i sette dissidenti: Pietro Stasi, Antonio D’Alessio (Azione), Corrado Naddeo (Azione) e Leonardo Gallo, Donato Pessolano (Italia Viva), Nicola Mazzeo (Italia Viva) e Giueppe Ventura (Davvero Verdi). Lo strappo sul bilancio è solo il primo passo di un’operazione più ampia: nel 2021 si voterà per eleggere il nuovo sindaco di Salerno.

de luca pezza in fronte

I 7 stanno lavorando a una proposta civica, trovando riscontri in pezzi di centrodestra e sinistra. Da Forza Italia dovrebbero dare l’ok all’operazione Roberto Celano e Gaetano Amatruda. Dalla sinistra: Federico Conte, deputato di Leu, Franco Mari, Michele Ragosta (ex parlamentare di sinistra), Rosaria Chechile, delle Rete dei giovani di Gianluca De Martino. Trattativa in corso anche con i Cinque stelle. la condizione per tutti è il no a simboli di partito. Si punterà dunque su una coalizione civica per strappare Salerno allo sceriffo De Luca.

Subscribe
Notify of
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments