NAPOLI, DE LUCA HA PRONTE 13 LISTE E UN CANDIDATO CIVICO: “ORA BASTA PERDERE TEMPO”

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, non ne può più dei traccheggiamenti del Pd napoletano e nazionale sul candidato a sindaco di Napoli. “Ora basta”, è il pensiero di De Luca, che ha nel mirino il giovane e inesperto segretario provinciale, Marco Sarracino, e quello nazionale, Nicola Zingaretti. Nei prossimi giorni, se continuerà la melina del Pd, partirà l’operazione-Napoli: sono già pronte 13 liste civiche, la maggior parte delle quali hanno formato la coalizione che ha portato alla vittoria De Luca alle scorse regionali, con più di 50 punti di distacco sul centrodestra.

Dai Moderati a Mastella, dai Socialisti ai Liberali al Centro democratico, la coalizione deluchiana proporrà un candidato civico. Cosa ha fatto inalberare De Luca? Sarracino sta aspettando che Zingaretti decida se candidarsi a sindaco di Roma: il segretario Dem è in uscita, il congresso è vicino e Zinga pensa di riciclarsi politicamente come sindaco della Capitale. In questo caso, l’accordo col M5s prevede la candidatura a Napoli di Roberto Fico. Il problema è che queste alchimie romane allungheranno ancora di mesi e mesi la scelta del candidato a sindaco di Napoli, città praticamente senza guida da quando Luigi De Magistris si è candidato a presidente della Calabria.

Il risultato dello sbando del capoluogo ricade su tutta la Campania. Il centrodestra ha già il suo candidato a sindaco, Catello Maresca, che guadagna terreno, mentre Antonio Bassolino è già in campo. Ritardare di mesi la scelta del candidato del centrosinistra e dei moderati, secondo De Luca, vuol dire perdere tempo e elezioni. Il tempo è scaduto.

Subscribe
Notify of
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments